Pagine

martedì 22 aprile 2014

Risvegliarsi a casa

Sono le quattro del mattino: il marito russa in una stanza, il nano russa nell'altra ed io vago per la casa in ascolto di rumori e scricchiolii che mi sono estranei.
Contro ogni pronostico siamo riusciti a trascorrere la Pasqua nella nuova casa, anche se a dire il vero a casa non ci siamo stati un granché. 
Proviamo tutti una curiosa sensazione di straniamento, un mix di euforia e confusione, la sensazione anche fisica di essere contemporaneamente qui e altrove, un po come in quei film sui viaggi nel tempo in cui i personaggi si smaterializzano e rimangono 'stracciati' un po qui e un po la.
Questo nuovo grande spazio contiene i nostri mobili e le nostre cose ma non è ancora casannostra;  ci vorrà del tempo perché l'odore di famiglia sostituisca quello del cantiere, perché il profumo di una torta che cuoce nel forno sovrasta quello del legno e della vernice ancora freschi e affinché tende e quadri sforzano l'effetto eco che amplifica voci e rumori conferendogli una sgradevole nota metallica. 
Cose apparentemente insignificanti come il cambio dei posti a tavola o la scelta di quale bagno usare ci mandano completamente in confusione e la ricerca di un oggetto, complice il caos che ancora regna in ogni dove, scatena rocambolesche cacce al tesoro che non sempre hanno un lieto fine è infatti non ho la benché minima idea di dove siano finite le fruste del frollini elettrico.
J. Si diverte un sacco,  ha recuperato tutti i suoi giochi e si gode la sua stanzetta rivendicando il suo spazio fisico e mentale; trascorre lunghi momenti a riscoprire le sue cose ed a sfogliare i suoi libri, ma soprattutto adora giocare con i suoi trenini che portati in dono da Babbo Natale erano stati prontamente occultati per mancanza di spazio. 
Il marito alterna momenti di delirio componibile montando la cabina armadio dell'Ikea sacramento in aramaico antico a momenti di letargo terminale spiaggia sul divano che a suo dire è ciò che più gli è mancato in questi lunghi mesi di esilio, non che a casa di mia madre mancassero ce ne sono ben tre, ma 'io non posso capire' il rapporto profondo che c'è tra un uomo e il SUO divano.
Ed io...io vorrei solo sedermi comodamente con un bel libro ed una tazza di tè,  ma so già che non sarò paga finché non sarà tutto in ordine, ogni cosa avrà trovato il suo posto ed avrò domato l'ambiente...tanto per cominciare vado ad accendere la lavatrice!

10 commenti:

  1. bentrovata a casa nuova :-)

    foto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...per le foto appena possibile, cioè appena abbiamo la connessione...postare dal cellulare sul Blogger è faticosissimo :-)

      Elimina
  2. Congratulazioni!! Ve lo meritate proprio dopo tanto lavoro.
    Non è facile trovarsi in un posto nuovo e sentirlo Casa, lo so bene. Io non avevo nemmeno l'arredamento e gli oggetti in aiuto :) Ma vedrai che basteranno pochi giorni e scoprirete familiarità e sintonia con questa nuova grande dimora.
    I tuoi uomini mi sembrano già sulla buona strada!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sa che i maschi in quanto organismi semplici si adattano molto facilmente...basta garantirgli le necessità di base mangiare dormire TV ed è tutto perfetto!

      Elimina
  3. Evviva! Gia', e' una sensazione straniante ed esilarante allo stesso tempo. Ma vedrai che in poco tempo non potra' essere che quella, casa vostra, e l'altra vi sembrera' solo un vecchio ricordo. Evviva la casa nuova!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà sicuramente così, del resto siamo già tutti molto più tranquilli...che ultimamente urlavano come pazzi.
      Ma sai che J. guarda dal balcone la vecchia casa e si mette a strillare "casa mia casa miaaa" per fortuna però vuole sempre stare a "tata nola".

      Elimina
  4. Bene! Dopo tanti lavori, corredati di tanto stress e tanta fatica, 'insediarsi' finalmente nella casa nuova è una enorme soddisfazione!! Vi ambienterete prestissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente c'è tanta soddisfazione, un po di fastidio per le cose che non sono andate come dovevano e la voglia di recuperare la cara vecchia noiosa e rassicurante routine.

      Elimina
  5. Ahahaah, anche mio marito vive un rapporto simbiontico con il divano che abbiamo qui....e' rotto e sgarruppato ma mi ha detto che se penso solo di buttarlo e' disposto ad incatenarcisi!!!!

    RispondiElimina
  6. This is very attention-grabbing, You are an excessively professional blogger.
    I've joined your rss feed and look ahead to searching for extra of
    your magnificent post. Additionally, I have shared your website in my social networks

    my page piercing equipment

    RispondiElimina