Pagine

mercoledì 9 aprile 2014

I commenti alimentano il blog

Capita, di connettersi dopo qualche giorno, di accorgersi che c'è un nuovo commento ad un post e di leggere questo:

Silver Silvan 06 aprile 2014 ore 09:46
Ma che cazzo vuole che gliene freghi, alla gente, dei suoi traslochi?!E dei nomignoli scemi che da a suo marito.Mai scemi quanto il nickname che si è trovata,eh.Auguri al suo QI.Perchè non finisca sotto zero.

Egregio, astioso, commentatore,
che ci creda o no sono onorata di averla colpita al punto da meritarmi una delle sue invettive, eh si che l'ho già vista bazzicare qua e là depositando i suoi autorevolissimi  ed eleganti tributi, pensare che si sia preso la pena di fermarsi qui nel mio misero blog preoccupato per le sorti del mio q.i. devo dirlo mi commuove.

Sinceramente, a parte gli scherzi, la cosa mi fa un po sorridere e un po mi fa anche tristezza. 
Essere così rabbiosi nei confronti di una perfetta sconosciuta lo ritengo abbastanza ridicolo oltre che inutile....alla fin fine questo è il mio diario e ci scrivo quello che mi pare, se capiti qui per caso e non ti piace quel che trovi cambia pagina e vai a leggere qualcos'altro, non è che paghi il canone e ti devi sorbire per forza quei tre canali e sopratutto non è che ti ho invitato io.
Il fatto poi che ci sia qualcuno così profondamente maleducato da piombare qui con la grazia di un elefante in mezzo alle porcellane ed in modo anche volgare mi dia della deficiente più che convincermi che la gente non finirà mai di stupirmi non fa, dato che non ho mai difettato di consapevolezza di me e del mio valore in quanto essere umano e preferisco curarmi di quel che sono piuttosto che di quello che la gente pensa che io sia o debba essere.
Indubbiamente scrivere un blog e raccontare i fatti propri in pubblico ci mette alla mercé del giudizio degli altri ed ovviamente ognuno di noi ha quel briciolo di Narciso in sé che ci fa desiderare di risultare graditi al prossimo e ci fa gioire dei riscontri positivi.
Considero positivo e necessario ricevere critiche costruttive, consigli e scambio di opinioni perché sono essenziali alla crescita dell'individuo ed alla socializzazione e del resto un blog questo è, o almeno dovrebbe essere, una forma moderna di socializzazione, di incontro e di crescita per chi vuole viverlo così...poi se c'è chi vuole solo farsi i fatti degli altri e prova un impellente bisogno di rendersi sgradevole depositando le sue perle di malevolenza mi fa un po pena.
E siccome si sa che mi piacciono tanto i topini mi sento di consigliare a Silver Silvan la visione del film "Ratatouille" , il cinico ed apparentemente crudele critico culinario Anton Ego alla fin fine era solo un uomo molto solo. 
Immagine tratta da Google

A conclusione devo dire che l'avvenimento mi ha fatto riflettere su come considero il mio blog.
E' certamente un diario su cui mi piace annotare avvenimenti, pensieri, progetti e sogni, un po erede di quei diari segreti della giovinezza che poi segreti non lo erano mai veramente. 
E' anche un contenitore in cui sperimentare creatività e tecnologia (che si sa non è proprio il mio forte) e mettermi alla prova e scoprire ed imparare nuove cose. 
E' in fine un luogo, seppur virtuale, in cui incontrare e conoscere altre persone ed altri mondi  che altrimenti non avrei mai scoperto; un luogo in cui c'è spazio per condividere esperienze, darsi sostegno in momenti in cui una voce estranea può suonare più amica di una voce familiare e che magari è in grado di comprendere meglio qualcosa che fa parte anche del suo vissuto; un luogo dove nascono amicizie che a volte superano le distanze, i chilometri, perfino gli oceani e si arricchiscono di abbracci e momenti vissuti insieme. 

Quindi sono qui a scrivere della mia vita semplice e soddisfacente, dei miei momenti di gioia e delle persone che amo, delle cose che non vanno come vorrei e che cerco di migliorare, dei miei desideri e dei miei sogni. 
Apro felicemente le porte di questa mia casetta a chiunque voglia entrare, a curiosare o a chiacchierare, a chi è capitato qui per caso ed è solo di passaggio ed a chi si è trovato bene e torna volentieri. 
Apprezzo  enormemente ogni commento che vorrete lasciarmi perché, in un momento in cui il tempo è una merce tanto rara, l'impegno profuso nel lasciare un segno del vostro passaggio e dell'attenzione dedicata alle mie parole ed alle mie immagini mi onora.
Sarò grata se chi vorrà esprimere il suo dissenso lo farà in  modo civile ed educato, non posso certo piacere a tutti e neanche me lo propongo, ma ritengo di poter esigere di non essere insultata in casa mia.

A questo punto Silver ha ottenuto il suo momento di celebrità (...che diciamoci la verità credo sia il vero nocciolo della questione!!!) anche in questo piccolo blog  ed io ho guadagnato lo spunto per un post, quindi si vince tutti no?

E già che ci sono recupero una paginetta di Journal day, più precisamente la # 7, che avevo saltato e che riguardava per l'appunto il rapporto con i social media.

martedì 1 aprile 2014

Currently MARZO

Trasloco:   Finalmente a casa, più o meno!
Venerdì i nostri mobili hanno guadagnato la vetta del nostro quinto piano (venendo da un secondo mi fa un pò impressione affacciarmi, mi dovrò abituare) con gran divertimento di Junqian che quando ha visto arrivare il camion con la scala ha cominciato ad urlare a squarciagola "I poppieri i po(m)pieri" facendo ridere tutto il vicinato. La casa è ben lungi dall'essere finita, non  abbiamo le porte, i battiscopa, l'acqua calda, mancano le tapparelle i lavabi dei bagni e i rubinetti delle docce uno non funziona e l'altro pure...però posso farmi una bella tazza di the e quindi per quanto mi riguarda è casa!!!

Sogno : Una bella vacanzina, ho proprio bisogno di staccare la spina, riempire una valigetta con quattro cosine e salire su un aereo, non importa per dove.  

Leggo: New York di E.Rutherfurd, anche se a causa della frenesia degli ultimi giorni giace abbandonato sul comodino da un bel po. Non ne dico male ma per ora neanche bene, la storia è interessante ma, forse per via dell'argomento, mi ero fatta l'idea di trovare qualcosa di simile a La Baia di J.A.Michener, "grandioso affresco di quattrocento anni di storia americana dai pellerossa allo scandalo Watergate" ma per ora il libro di Rutherfurd non regge il confronto con lo stile narrativo di  Michener...vedremo.   

Cerco ispirazione: ...e soprattutto tempo per usare la mia nuova reflex, perché alla fine poi l'ho comprata la eos 600D, dopo un'estenuante sessione di mercanteggiamento in stile arabo tra il marito e la responsabile di reparto del Mdw, che ha lasciato loro completamente sfiniti  e me con cento euro in più, quindi qualunque cosa si siano detti onore al merito del marito!

Nel frattempo cerco di capire a cosa servano tutti quei pulsanti....

Aspetto:  Che gli omini del gas si degnino di venire ad allacciarmi l'utenza. Abbiamo chiesto lo spostamento di una ventina di centimetri del contatore e ci stanno facendo penare, è un mese che vanno avanti e dietro, sopralluoghi, mail, fax, richieste di pagamenti...quando per direttiva europea i contatori all'interno degli appartamenti (noi l'abbiamo sul balcone) sono fuori legge e dovrebbero provvedere a loro spese a spostarli giù in prossimità del portone condominiale, ma vabbè io pago, basta che mi allacciate lo stramaledetto gas. Poi vedi perchè ho la cucina elettrica...

sabato 29 marzo 2014

Journal Day # 6 - Motivazioni

Mangiamo perché il corpo ce lo chiede.
Lavoriamo per procurarci ciò che serve alla nostra sussistenza.
Condividiamo il nostro spazio ed il nostro tempo con altri esseri umani perché siamo esseri sociali.
Queste sono solo alcune delle azioni che compiamo ogni giorno per sopravvivere, però si tratta in gran parte di risposte ormai automatiche, codificate da millenni di evoluzione, a degli istinti primari.
Cos'è invece che ci spinge a vivere, a cogliere le infinite possibilità che ogni nuovo giorno ci offre a sondare nuovi mondi ed oltrepassare gli orizzonti?
Perché alcune persone riescono ad essere felici, o quantomeno soddisfatte delle loro vite, dei traguardi che raggiungono, di ciò che possiedono e sopratutto sembrano riuscire bene in ogni cosa che fanno ed in ogni situazione ed altre invece sembrano sempre sull'orlo dell'abisso?
E' semplicemente una questione di fortuna, di capacità di cogliere le occasioni, si tratta di coraggio ed intraprendenza, di possedere doti/doni speciali o piuttosto è una particolare congiuntura di talento volontà ed opportunità?
Mi capita a volte di notare (e stupirmi!) quanto possano essere diversi fratelli e sorelle, pure nati e cresciuti nella medesima famiglia, educati allo stesso modo, forniti delle stesse opportunità a livello materiale e culturale. 
E' quindi scritto nel nostro dna  il nostro carattere e di conseguenza non possiamo che essere e fare ciò per cui siamo nati o siamo in grado di spingerci oltre?
Questi e mille altri interrogativi mi si affollano nella mente da quando ho letto il tema di questa settimana.
Cosa mi spinge, qual'è la mia motivazione per svegliarmi ogni mattina, fare quello che deve essere fatto, fare ciò che mi piace fare, affrontare le sfide che ogni giorno pone sul mio cammino e superarle o come dicevo qualche giorno fa accettarle serenamente.
Indubbiamente Junqian ha dato alla mia vita un nuovo senso, una nuova percezione del valore delle cose, una nuova spinta verso il futuro e le sue prospettive.
Credo però fermamente che la vita stessa mi motivi con il desiderio che ha di se stessa ( lo dice Jibran mica io che non sono poi così poetica!!), penso che se continuo ad amare appassionatamente la vita lei per me si renderà sempre degna di essere vissuta.


venerdì 28 marzo 2014

...con l'acqua alla gola!

Per la serie che non c'è limite al peggio sempre peggio, ieri mattina il cielo ha scaricato tutta l'acqua che aveva in corpo nel giro di quindici al massimo venti minuti.
Io me ne ero andata bellin bellina a casa (nuova) per fare un po di pulizia, impresa alquanto vana, e predisporre un pò di cose in vista del trasloco.
Entro e sento un inequivocabile gocciolio, plic plic plic, mi precipito nel bagno ospiti convinta che il wc sospeso perda ancora, in effetti c'era una goccia sul cartone che ci avevo infilato sotto per poter verificare la cosa, parte una bestemmia, ma non è certo quella goccia a fare tutto quel plic plic plic.
Seguo il suono come un ratto il pifferaio di Hamelin e scopro il fattaccio


la fantastica finestra dello studio, quella che ci ha tolto il sonno, ci ha fatto aspettare un era geologica per arrivare ed costata mille mila dobloni d'oro perde come un colabrodo...


...sul parquet ancora non sigillato dal battiscopa!
Parte una gragnuola di bestemmie amplificate dall'effetto eco della casa vuota, speriamo che i vicini non siano troppo sensibili.
Faccio le foto e mi precipito ad eliminare il cartone zuppo, asciugare il pavimento e tamponare con degli stracci l'acqua che continua a venir giù.
Chiamo Cenerentola che provvede ad inviare soccorsi che per fortuna, contrariamente ai miei timori, arrivano nel giro di un'oretta; nel frattemo il cielo ci da tregua e smette di piovere ma la finestra continua a piangere.


L'omino delle finestre spinge di qua tira di la con una ventosa gigante e cerca di tranquillizzarmi dicendo che risolveranno tutto...ci mancherebbe altro, altrimenti la finestra la sdradico dal muro con le unghie e la tiro appresso....poi chiama Cenerentola e gli dice che "Si tratta di un LEGGERO GOCCIOLIO, sa la signora è un po ansiosa".
Esplodo!
Urlo che "NO, la signora non è ansiosa per niente e mo fa un casino che ve lo ricordate"!
E insomma stamattina, perchè prima si deve asciugare, verranno a sistemare la finestra....ovviamente durante il trasloco perchè non ci facciamo mancare proprio niente noi.

Stanotte ha continuato a piovere...ho paura ad andar su!

mercoledì 26 marzo 2014

Non c'è limite al peggio

Quella di ieri è stata una di quelle giornate in cui mi ritrovo a pensare seriamente che devo essere io quella pazza!

E' chiaro ormai che questa ristrutturazione ha avvilito me e tutti i poveracci che dal vivo o dall'etere mi stanno a sentire, ma ieri,ieri abbiamo toccato il fondo o almeno spero.

La giornata è cominciata male, gli idraulici dovevano arrivare alle 8.30 per completare i bagni e montare i termosifoni ma alle 9.30 non si era ancora visto nessuno. Ho chiamato il geometra Cenerentola che mi ha candidamente detto che i super plumbers l'avevano avvisato che sarebbero arrivati verso le 10.30, peccato che nessuno abbia pensato i avvisare me che ero lì ad aspettare come un'allocca.

Per passare il tempo mi sono messa a travasare le piante con cui la vicina ha invaso il pianerottolo...se proprio devo farmi largo a colpi di macete per uscire dall'acensore che almeno sia una giungla decente e poi se c'è una cosa che non sopporto sono i piatti sbreccati usati come sottovasi.

Alla fine i plumbers sono arrivati, hanno sostituito il water che era arrivato scheggiato ma il maledetto perdeva. Plumber Senior mi fa "che bello il parquet ma si può lavare con l'acqua?" Io penso che è un curioso modo per esprimere la convinzione di tutti che ho  fatto una ca§§ata a mettere il parquet in bagno  e rispondo ingenuamente che venditore e montatore mi hanno assicurato che è un legno adatto a stare in ambienti umidi. Lui tira un sospiro di sollievo e fa "Bene allora mi può dare degli stracci che di la è tutto allagato?" Voglio morire.

Il water incriminato viene smontato e rimontato quattro volte ed il bagno viene allagato altrettante volte prima che si riesca a venire a capo del problema, tuttavia non escludo di andar su stamattina e trovare uno sfracello.

Così amenamente siamo arrivati all'ora di pranzo, plumber senior e junior, che sono zio e nipote, vanno a farsi un panino ed io mi catapulto a casa di mia madre ove ingozzo il nano urlante con piatto di pastina al sugo, pranzo con dodici gelatine alla frutta e mi riprecipito a casa inconsapevole i quello che sta per accadere.
I bagni non possono essere completati, mancano due viti qua un dado là quella placchetta va sostituita ed altre simpatiche assenze. Ma abbiate fede perchè il meglio deve ancora venire.

Si sballa il primo termosifone e si scopre che è troppo grande, si procede ad un rapido controllo per scoprire che abbiamo due termosifoni di misura sbagliata e due termosifoni in più. Ovviamente pensiamo che ci abbiano consegnato l'ordine sbagliato e quindi chiamiamo Cenerentola per avere lumi. Lui lancia l'anatema "non toccate nulla, vi faccio sapere". Passa un'ora in cui i plumbers ed io socializziamo mentre i nervi cominciano ad accumulare carica elettrostatica. Telefona Gran-plumber (padre di senior nonchè nonno di junior...plumbers fino alla settima generazione) che informato della situazione intima a senior e junior di cominciare a montare quelli che vanno bene che loro non c'hanno tempo da perdere, quindi si precipita a casa chiama Cenerentola ed in un dialetto a me incomprensibile gli da quella che dai toni sembra essere una bella strigliata.

A questo punto, mentre si ricomincia a lavorare ed io accantono temporaneamente la scelta del balcone da cui lanciarmi arrivano Cenerentola ed il GrancapoIngegnere che, sprezzanti del pericolo (ovvero dei raggi gamma che spuntano dai miei occhi furenti) cercano di convincere/costringere plumber senior a sventrare un muro intonacato rasato ed imbiancato per infilare un coso da 72cm in uno spazio da 46cm per la serie che la matematica è un'opinione e la geometria pure. 

Io facendo appello a risorse di calma che non credevo di possedere faccio presente che forse sarebbe il caso di sostituire i termosifoni visto che venerdì mi portano su i mobili e non c'è tempo per rompere e rifare e sopratutto visto che in una stanza a meno di non togliere la finestra (!?!) lo spazio proprio non c'è.

A questo punto il GrancapoIngegnere non essendo riuscito a dare la colpa ai 3Plumbers ha osato sostenere il concetto che riassumo: IO avrei tracciato l'impianto, avrei fatto i conteggi necessari, avrei scelto la misura degli elementi e lui si sarebbe limitato ad ordinarli.

Il seguito ha lasciato solo una traccia nebulosa nei miei ricordi ma devo aver detto/fatto qualcosa di incisivo poichè i termosifoni incriminati sono stati portati via ed in un futuro più o meno remoto dovrebbero arrivare quelli della giusta misura.

Sono sfibrata!!!